venerdì 25 maggio 2012

Pizza tradizionale a lunga lievitazione



Questa è una pizza che ho fatto un pò di tempo fa,
volevo provare a fare un'impasto simile a quello delle pizzerie ,
la ricetta l'avevamo provata al
Corso sviluppo di competenze per la panificazione e i prodotti da forno 
con il maestro Ezio Marinato ,
naturalmente la sua, con il forno professionale 
non si può paragonare alla mia fatta nel forno di casa,
 come minimo avrei avuto bisogno di una pietra refrattaria ,
ma tutto sommato è un ottimo risultato considerando i mezzi.
Passiamo alla ricetta:

Ingredienti:

 1 kg di farina manitoba (o comunque forte w 280/340)
550 gr di acqua freddissima,
 3 gr di lievito di birra fresco (praticamente un pizzico)
25 gr di sale

Preparazione:
 Impastare bene tutti gli ingredienti,
 mettendo il sale dopo 2/3 min di lavorazione.
Fare dei panetti da 250 gr ciascuno e lasciare riposare 
per 30 minuti a temperatura ambiente.
Mettere i panetti in frigo , coperti per 7-8 ore (volendo anche di più),
si devono tirar fuori 4-5 ore prima di utilizzarli , in modo da far ripartire la lievitazione.
Si stende ogni panetto con le mani partendo dal centro,
vi accorgerete che l'impasto è molto elastico 
e si presta ad essere reso molto sottile senza spaccarsi,
lasciare il bordo esterno più doppio , in modo da formare
 la classica crosta o "cornicione" come lo chiamano a Napoli.

Ingredienti per condirla:

(non metto quantità , tutto ad occhio e a piacere personale)
pomodori pelati a pezzetti
mozzarella
prosciutto
olive nere
origano
sale 
olio di oliva

 Versare i pomodori in un contenitore,
 mettere il sale e un pò d'olio e mescolare.
Mettere la salsa su ogni pizza e infornare in forno già caldo a 250°,
Nel frattempo tagliare a pezzetti o a fette la mozzarella e sminuzzare anche le olive nere,
quando la pizza è quasi cotta unire la mozzarella , le olive e l''origano e completare la cottura , facendo in modo che i condimenti non si secchino,
 uscire da forno e completare con un filo d'olio.
Naturalmente come dico sempre, con i condimenti della pizza si può personalizzare a proprio gusto , anche se la classica margherita alla fine resta sempre la migliore!!

Alla prox : Mariella.

Con questa ricetta partecipo al contest “I love pizza” de "i dolci di Laura" in collaborazione con Tec-Al srl


2 commenti:

  1. Ma è stupenda, sembra proprio quella della pizzeria! Bravissima! Elisa

    RispondiElimina
  2. super! che pizza gustosissima, grazie per aver partecipato e in bocca al lupo!

    RispondiElimina

Mi fa sempre piacere conoscere l'opinione di chi passa di qua , quindi ....scrivete , scrivete , scrivete....